Pubblicato il

Quando la mamma riprende il lavoro

Quando la mamma torna al lavoro

E’ giunto il momento,la mamma riprende il lavoro,il bimbo è cresciuto ed è indipendente.

Non è stata una scelta facile per me,forse è stato più facile per lui superare il distaccamento e stare molte ore l’uno separato dall’altro.

Quando la mamma decide di riprendere a lavorare,i primi giorni le si “distrugge”letteralmente il cuore,mi ricorderò sempre il primo giorno di servizio;un magone fortissimo,le lacrime che mi rigavano il viso e di conseguenza la fortissima emicrania.

“Mamma riprende il lavoro”

Così ho detto a Denis”,se la mamma lavora dopo potrà farti fare più giri sulle giostre”

Quasi un modo per auto-giustificarmi e farmi forza,anche se dentro me continuavo a non essere felice di questo,soprattutto di non essere felice di aver intrapreso un lavoro che mi occupa così tanto..

Io sono un’operatrice sanitaria,un mestiere faticoso più dal lato psicologico,i turni,lavorare di notte,tutto questo mi porta ad essere lontana dalla mia famiglia,ma non ho scelta.

Quando la mamma riprende il lavoro sa’ che il suo sara’ sempre un “doppio lavoro”,quando si arriva a casa ci sono molte altre cose da fare.

Ti rechi al lavoro e molte volte piangi e rimpiangi i momenti in cui magari giocavi sul tappeto o dormivi abbracciata a tuo figlio ed invece ti trovi ad affrontare una lunga notte lavorativa.

Ti ripeti ogni giorno ;”mi abituerò”sì,ti abitui,per fortuna ho un bambino che adora stare con i suoi nonni e che non ha mai fatto una lacrima al momento di lasciare la sua mamma.

Al lavoro mi trovo spesso a parlare di lui,mi manca sempre terribilmente,ma mi faccio coraggio,devo,insieme al mio compagno,mandare avanti “la baracca”e progettare un futuro migliore.

Quando la mamma riprende il lavoro,la casa non sarà più perfetta,sarà impolverata,disordinata,il tuo uomo ti preparerà la cena alle 22 perchè prima non riuscirà,le cose da fare sono troppe e molte volte arriverai a casa dopo le 21 e troverai i tuo bambino che dorme felice,beato e vorrai solo baciarlo.

 

 

Pubblicato il

Il mestiere “Mamma”

“Che lavoro svolgi?”

“Faccio la mamma a tempo pieno”(ironica)

“ah allora sei a casa e non lavori?”

“Ah perchè tu che lavori non pensi che “fare la mamma non sia un vero e proprio mestiere?”

Ebbene sì,il mestiere della mamma è un vero e proprio lavoro,e guai a chi dice il contrario,specialmente se sei una mamma che non ha nonni a cui lasciare il proprio pargoletto.

Ti alzi al mattino,presto (7,30 il nostro massimo),prepari la colazione,lo vesti,lo accompagni a scuola, se già frequenta altrimenti il piccolino lo scorazzi un po in giro.

Vai a fare la spesa,controlli sempre che in casa non manchi nulla,controlli le scadenze delle bollette da pagare,fai le pulizie,il bucato,cucini e stiri.

Questo non viene chiamato lavoro? Continua a leggere Il mestiere “Mamma”

Pubblicato il

Mamme che non lavorano,non per scelta

Vorrei affrontare questo tema di cui si parla molto di questi tempi e che mi riguarda personalmente.

Le mamme che non lavorano,ma non per scelta.

Sono una mamma felicissima di aver cresciuto il suo bambino,ma,i tempi sono duri,le spese per sopravvivere sono tantissime e un solo salario non basta.

Oggi per una donna che diventa mamma,lavorare è assai complicato,stare molte ore lontano dai propri cuccioli è dura psicologicamente per entrambi.

Io  dopo essere diventata mamma,ho voluto riprendere il mio mestiere;lavorare in una casa di riposo per anziani.

E’ stato difficile per me,le cose erano cambiate,ho sofferto a lasciare mio figlio per nove ore consecutive anche se stava con i nonni,arrivare a casa e riorganizzare tutto per il giorno dopo.Non ce l’ho fatta.

Il mio mestiere mi è sempre piaciuto,ma oramai mi sono accorta che non riuscivo a stare più dietro a quegli orari ed ai turni notturni.

Le mamme che lavorano non sono capite nè tutelate dal sistema. Continua a leggere Mamme che non lavorano,non per scelta

Pubblicato il

La vita delle mamme

Si diventa mamme e si sa cambia totalmente la vita,oggi mi sento di fare una piccola riflessione sulla vita delle mamme,

Diventare madre è il dono più bello che ogni donna possa ricevere perchè con esso si capisce quale sia il vero amore,e pensi a come facevi a vivere prima dell’arrivo del tuo cucciolo.

E’ bellissimo,sentirsi chiamare “MAMMA”,i suo abbracci,i suoi bacini dati con vero affetto e gioire per ogni suo minimo progresso.

E’altrettanto dura in quei momenti in cui sei stanca,quando hai da fare mille cose in casa,quando tuo figlio/figlia vorrebbero giocare ma tu non puoi;devi cucinare,i capricci,i tuoi momenti di ira verso di lui o lei quando non tolleri più le urla,e poi sentirsi male quando gli hai urlato con tutta la forza che avevi portandoti all’esasperazione.

Andare a fare shopping e tornare con mille vestiti per il tuo bimbo/a,giocattoli e per te niente,non parliamo di fare la spesa,i bambini quando entrano al supermercato vogliono tutto e se gli dici di no diventano delle vere “belve”.

Le mamme che prima si truccavano e si curavano ora ci riescono raramente;mettono le prime cose che capitano magari le più comode,i capelli raccolti,niente trucco ed escono con i bimbi,perchè si sa con loro bisogna organizzarsi un’ora prima sempre  sperando che quando si è pronti non gli scappi il bisognino.

Una mamma ha finito di farsi lunghe dormite,molti bambini (come il mio) sono piuttosto mattinieri e come si svegliano essa deve correre in cucina a preparare loro la colazione

La mamma deve essere super-organizzata,perchè i papa’ che lavorano molte ore non riescono a aiutarle.

E le mamme che lavorano?

Ho sempre pensato alle mamme che lavorano e mi chiedo come fanno a lavorare e stare dietro a tutto ciò?

Portare i bimbi all’asilo,a scuola o dai nonni rientrare far fare loro i compiti,e occuparsi della casa,molte mamme riescono ad avere un aiuto concreto da persone speciali “i nonni” e chi non ce l’ha?

Queste mamme al lavoro pensano e ripensano tutto il giorno ai loro bimbi,magari con un leggero magone al cuore e alla grande voglia di abbracciarli forte quando li rivedono dopo una stancante giornata lavorativa.

Una mamma riesce a trovare poco tempo per sè…o a coltivare un hobby,ma ha un grande bisogno di trovare uno spazio anche per sè stessa e molte volte  rimpiange un pò di libertà.

I papà idem,la maggior parte lavorano tutto il giorno,quando arrivano a casa sono attesi di loro bimbi che si buttano tra le loro braccia;sono stanchi e distrutti ma trovano sempre il tempo di giocare con loro.

Penso che quando si diventa mamme e papà si riceve un dono meraviglioso e dentro di noi abbiamo una forza che nemmeno conosciamo quasi come quella dei super eroi!