Pubblicato il

La classifica dei regali

Il Natale è sempre più vicino e  nelle città c’è un gran traffico per la fatidica “caccia ai regali di Natale”.

Proprio così sembra una caccia…un grande affollamento  per i negozi,file e stress alle casse è come una gara e chi vince è colui che presenta il regalo più bello.!!

Purtroppo molti regali non apprezzati  finiscono poi per essere riciclati …cosi’ tristezza e delusione assalgono la persona ricevente rovinando la bellissima festa!Ahimè

Tra le mie ricerche ho esaminato le varie classifiche dei regali dal più brutto al più bello…vediamo un pò:

 

  • 10° posizione Cesti Natalizi,Dolci e generi alimentari

 

  • 9° posizione Ellettrodomestici Casalinghi (tv,forni,stero,macchine per il caffè ecc)

 

  • 8° posizione Smartphone,computer ed elettronica in genere

 

  • 7° posizione libri ed articoli di cartoleria

 

  • 6° posizione abbigliamento e calzature

 

  • 5° posizione Intimo e pigami

 

  • 4° posizione Buoni Regalo spendibili in vari punti vendita

 

  • 3° posizione profumi e prodotti per la cura della pesona

 

  • 2° posizione Gioielli,articoli di bigiotteria ed orologi

 

  • 1° posizione I giocattoli

 

Già….quest’anno secondo l’ISTAT il giocattolo è il genere più venduto…..giustamente il Natale è la festa di tutti i bimbi.

Quando acquistiamo i giochi da regalare scegliamo sempre quelli educativi per i più piccoli,evitiamo i giochini con suonerie elettroniche che stordiscono e stressano i genitori,e per i più grandi i giochi di società (sempre divertenti soprattutto nelle giornate Natalizie) e perchè no un buon libro.

 

E che dirvi altro?

Buona corsa ai regali a tutti voi!!

Pubblicato il

Mamme in attesa….rilassiamoci!!!

La gravidanza per una donna è il momento più bello di tutti,scopri la nuova vita che si crea dentro di te e lo ami già da quando scopri che c’è anche lui/lei ,un momento magico e meraviglioso.

Dobbiamo coccolarci e amarci ancora di più perchè la nostra creatura sente tutto quello che noi proviamo,quindi rilassiamoci,riposiamoci tanto,mangiamo bene e facciamo solo quello che più ci fa stare bene:

  • L’acquaticità in gravidanza:

L’acqua è uno degli elementi primari per noi e per la nostra terra,il solo vederla,il suo movimento,il suo rumore ci evoca uno stato assoluto di rilassamento;essa sostiene,accarezza,massaggia e ci fa sentire leggere.

Proprio per questo motivo è molto indicata durante la gravidanza,se non ci sono particolari problemi o controindicazioni e fornisce un benessere psico-fisico ottimale.

Nell’acqua si percepisce il corpo modo diverso,i movimenti vengono spontanei senza gravare su gambe o spina dorsale;in acqua si svolgono piccoli movimenti ed esercizi con ausilii per galleggiamento,quindi adatto anche a chi non sa nuotare.

E’ veramente un attività favorevole e meravigliosa,per questo poi molte mamme optano per il parto in acqua. ed insegna molto sulla respirazione.

Quando entro in acqua svuoto la mente e non penso più a nulla,entro in contatto con essa e diventiamo una cosa sola!

 

 

 

  • Seguire un corso di Yoga

 

Si chiama Yoga Prenatale,non bisogna esserne esperte,porta beneficio sia alla mamma che al bimbo,migliora la postura ormai modificata dal pancino,insegna a respirare e a regolare il proprio equilibrio emozionale.

Sono esercizi che si praticano da sedute,sdraiate,in piedi per sviluppare maggior forza e resistenza muscolare,mantenendo le posizioni più a lungo possibile per goderne i benefici.

Lo yoga non ha particolare controindicazioni soprattutto durante i primi mesi,ma verso la fine alcune posizioni come la supina è sconsigliata in quanto preme la vena cava inferiore e potrebbe causarvi giramenti di testa.

 

  • Passeggiate all’aria aperta

 

Le camminate sono sempre adatte sia ai primi che agli ultimi mesi di gestazione;favoriscono la circolazione sanguigna,non ci fanno aumentare di peso eccessivamente e riducono la ritenzione idrica.

Quindi, come facevo io, una bella camminata di 20 minuti al giorno ogni giorno vi farà più che bene,con il vostro mp3 e la musica più rilassante che avete, meglio passeggiare in mezzo alla natura se se ne ha la posibilità per respiare un pò di aria buona.

 

“Si dice che camminare soprattutto nell’ultimo trimestre favorisca il parto”

 

 

  •  Attività fisica 

 

L’attività fisica fa molto bene alla circolazione e a mantenersi sode,ma si sà bisogna praticarla in modo leggero senza fare eccessivi sforzi;ginnastica leggera e acquagym sono i migliori.

 

 

Quindi coccolatevi e rillassatevi al fine di mantenere un  miglior benessere psico-fisico per voi e il vostro bimbo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato il

Festa dell’immacolata e via agli addobbi Natalizi…forse

Siamo al giorno dell’immacolata e come tradizione vuole,addobbiamo la casa in atmosfera natalizia.

I bimbi di ogni età (anche i grandi)adorano le lucine colorate,le stelle filanti brillanti e il tintinnio delle palline sugli alberelli.

In base alle fasce di età dei bimbi ci sbizzarriamo nelle varie tipologie di addobbi:

  • fascia o-11 mesi circa,i bimbi non camminano o gattonano;possiamo allestire un bellissimo albero tenendo le palline un pò piu in alto di modo che i pargoletti,incantati da tanto luccichio non si tirino tutto addosso.(Li immagino già questi piccolini con le bocce spalancate di stupore) e allestire un bel presepe che sia ad un altezza tale da non fare arrivare i piccoli
  • fase 1 -3 anni ;questa fase dove rientra Denis è quella più dura per gli addobbi,i bimbi arrivano da qualsiasi parte pronti a mettere “a tappeto” alberelli,presepi ecc…Gli alberi bisogna “metterli al sicuro”da manine leste pronte a far correre le palline ovunque. Il presepe?Bhe se non avete un tavolo alto ve lo sconsiglio se avete dei bimbi-scimmietta come il mio che si arrampica ovunque.

Io quest’anno ho fatto un alberello per il mio piccolo,allestito solo con lucine colorate  alimentate a batteria per evitare spiacevoli inconvenienti con l’elettricità,e messo un mini-alberino sul davanzale con palline e luci elettriche.

  • con la fase che supera i 3 anni si può già lavorare di creatività;fare l’albero assieme con palline,caramelle,calzine e per le mamme creative,le palline con il nome dei bimbi,originalissimo.

Possiamo assieme ai bimbi allestire un bellissimo presepe;raccogliere il muschio che servirà a fare l’erbetta del paesello,del cotone per la neve,e acquistare le varie statuine ( se ne trovano di molto belle a buon prezzo),i villaggi illuminati con le giostrine e le piste di pattinaggio.Prendere un bello sfondo con cartoncino blu e disegnare delle stelline con al centro la cometa.

Parlandovi ora di presepe mi viene in mente proprio come l’avevo fatto io da piccola insieme a mio fratello;un’emozione grandissima,ancora adesso amo il Natale.

Per finire ci vuole una bella decorazione in casa,magari fatta con dei fiocchetti rossi e stelle filanti colorate appese ovunque e nello stereo un bel cd natalizio;insomma creiamo un atmosfera calda.

Natale è una festa magica ed emozionante per i bambini,rendiamoglielo talmente bello che se lo possano ricordare anche quando saranno grandi,come succede a me ogni anno,

Pubblicato il

Qualche piccola dritta sull’allattamento

Vorrei darvi qualche piccola dritta sull’allattamento in base alla mia esperienza e anche in quello che tramite letture di libri ho appreso.

Durante la gravidanza il seno si prepara ad allattare:le areole si scuriscono,i capezzoli sono turgidi,si sente una lieve tensione al seno e si potrebbe avere delle perdite di siero dai capezzoli. Continua a leggere Qualche piccola dritta sull’allattamento

Pubblicato il

Aiuto non si dorme!!!

Eccoci qua ad affrontare un argomento che sicuramente a molte mamme e papà interessa:Il pupo non dorme!!!!Aiuto!!!

Come si può vedere dalla foto il suo musino “distrutto”dopo una notte insonne a girare per casa con lo smartphone fisso sulle filastrocche natalizie(gli piacevano solo quelle)e nella speranza (nostra)che si addormentasse, e lui poi di giorno si faceva i suoi 10 sonnellini che tu ovviamente non potevi permetterti.

Ebbene sì è andata così x quasi 16 mesi,

i primi mesi si svegliava ogni mezz ora per le colichette ovviamente che trattavamo, io e il mio compagno ,con massaggini sul pancino e nei casi disperati con il sondino.

Passati i primi mesi arrivano i primi denti e anchè lì urla di dolore e noi spaventati cercavamo un po con un gel all’aloe scritto dalla pediatra e giocattolini da mordere messi in congelatore,  non bastava purtroppo,l’unica che ci salvava alle volte era la beata tetta che spesso,ma non sempre lo tranquillizzava e si riaddormentava (x poco).

Dopo l’anno siammo passati al dormire due ore consecutive,risveglio e poi di nuovo due ore.

E’ stata dura,ragione per cui noi abbiamo deciso di non acquistare il lettino,per me era più comodo averlo a fianco anche quando era neonato,non è vero che si rischia di schiacciarlo perchè comunque nel sonno ci rendiamo conto dei movimenti che facciamo.

Pensate che quando incontravo le mamme e mi dicevano “Ma il tuo bimbo dorme?Il mio dorme tutta la notte “mi veniva un nervoso…non ci credevo,ancora adesso non ci credo non è possibile.

Proprio per i vari sonni mancati , dolorosamente sia da parte mia che sua, abbiamo interrotto l’allattamento a sedici mesi,non sapete quanto mi sono sentita in colpa,lui ha sofferto e pianto molto ed io idem ma abbiamo dovuto farlo,io avevo un forte stress che mi stava creando molti malesseri non potevo più dormire ed essere sveglia ogni due ore.

Ancora adesso,come già detto mi manca tantissimo non poterlo più allattare,ma è stata una scelta “drastica”e grazie al mio compagno,che è un uomo meraviglioso,ci è stato vicino e si è preso cura di noi in questo doloroso percorso di distaccamento;colui che ci ha divisi per la seconda volta con amore.

Ora Denis dorme tutta la notte,a parte le varie influenze e raffreddori,ma si dorme finalmente.

Pubblicato il

Allattamento :Il pupo ventosa

Quando partorisci la cosa più bella e strepitosa è avere tra le braccia il tuo cucciolo,solo che non metti in conto la stanchezza del parto  e gli indolenzimenti vari.

Ecco io ero distrutta sì ma volevo sempre il mio ciccino in braccio e lui voleva sempre me.

Si rientra a casa ed è un disastro per una neo- mamma adattarsi al nuovo stile di vita;il pupo piange e vuole sempre stare in braccio ma perchè?

Mi ricordo ancora che avevo preso qualsiasi lezione dalle ostetriche  dell ospedale per attaccare il bimbo ed evitare ragadi:impossibile le ragadi vengono e basta;avevo acquistato  persino il cuscino da allattamento che devo dire molto utile ma il male si sentiva comunque.

Ogni volta che Denis si svegliava e piangeva a me veniva male per il fatto che i miei seni erano indolenziti e rossi fioco;non sapevo proprio come fare.

Un grande consiglio che voglio dare a tutte le neo e future mamma è quello di non ascoltare mai nessuno fate sempre secondo il vostro istinto.

Io ascoltando gli altri stavo cominciando ad allattare artificialmente il bimbo quando non ce n’ era assolutamente bisogno;pensate che mi sentivo dire frasi del tipo “Ma questo bambino è sempre attaccato sicuramente il latte non è buono non è nutriente”se ci penso adesso mi viene solo rabbia,non esiste latte non nutriente;infatti poi Denis rimetteva tutto il latte artificiale datogli.

Eh sì proprio così dalla disperazione volevo mollare,il male e le continue urla del piccolo non mi lasciavano più tranquillità,era continuo chiamare la pediatra che mi diceva sempre e solo di attaccarlo e di non mollare,così mi sono fatta forza e ho continuato.

Passano i giorni e i mesi ma niente Denis è sempre una ventosa con me,dico ancora grazie ai para capezzzoli in argento che mi hanno aiutato molto;mi convincevo sempre più che qualcosa non andasse,non era possibile che un bambino fosse sempre così attaccato.I motivi c’erano eccome:

  • i bimbi hanno un forte bisogno di contatto con la mamma perchè passano dalla pancia a un mondo a loro sconosciuto,probabilmente gli manca sentire il ritmo del cuore della mamma e il suo calore,il suo odore
  • le coliche sempre perenemente presenti soprattutto la notte.

L’inizio dell’allattamento è molto faticoso per i dolori,le ragadi,le mastiti,le febbri della montata lattea,le notti in bianco ( io e il mio compagno non abbiamo dormito per un anno)i vari vomitini,ma non mollate mai,date tempo al vostro cucciolo di scandirsi i tempi abbiate pazienza e vedrete!!!

 

 

Pubblicato il

la mia storia di mamma

MI PRESENTO

Ciao a tutti e benvenuti nel mio blog.

Mi presento:sono Chiara e sono mamma di un bimbo meraviglioso che si chiama Denis Lorenzo di 2 anni.

Ho deciso di creare questo blog prima di tutto perchè amo scrivere e poi anche perchè vorrei che diventi un centro di scambi opinioni e consigli con tutte le mamme,papà ,future mamme ecc…questo perchè vorrei confrontarmi con molte/i di voi.

Il nome “mamma full time” rispecchia appieno quello che sono io una mamma che non lavora ma “lavora” come mamma gestendo la casa e le faccende domentiche come credo molte di voi faranno,ma mestiere che porto avanti con grande gioia.

Vi racconto brevemente la mia storia:

da sempre ho desiderato avere dei figli,quando io e il mio compagno ci siamo decisi,Denis si è fatto attendere qualche mese(non vi dico la mia disperazione),ecco già pensavo di avere qualche problema e non poter avere figli,ho speso inutilmente molti soldi per acquistare vari test dell’ovulazione la quele sembrava  non avessi,visite mediche ecc…lo so sono esagerata e catastrofica ma io sono così purtroppo.

Quando mi dissero che probabilmente soffrivo di sindrome dell’ovaio policistico mi era crollato il mondo addosso,ma fu proprio lì che comincia ad avvertire sintomi strani;dolori renali insopportabili e fastidiosi e il ciclo non si presentò,aspettai a una settimana abbondante prima di fare il test per evitare la solita delusione.

Mi decisi feci il test:Positivo io e il ,io compagno felicissimi di diventare genitori scoppiammo in lacrime.

Ho avuto una gravidanza stupenda nessun malessere,mangiavo molto senza prendere troppo peso,non avevo una pancia enorme che comunque era “esplosa”alla fine.

Denis nasce il 23 ottobre 2015 alle ore 23,22 con parto naturale indotto perchè il cucciolo non ne voleva sapere di venire al mondo,averlo tra le nostre braccia(perchè anche il mio compagno ha assistito al parto)è stata l’emozione più bella che abbiamo avuto:me lo ricordo ancora come se fosse adesso ;gli occhioni neri grandissimi che hanno incrociato i mei tra le mie braccie con ancora il cordone attaccato e le sue urla.

Diventare mamma ed esserlo è una cosa meravigliosa,certo l’inizio è stato un pò duro come vi racconterò di seguito ma io rifarei tutto da capo.

Pubblicato il

La mia meravigliosa gravidanza

Avrò sempre un ricordo meraviglioso della mia gravidanza dalla scoperta fino alla nascita del mio piccolo.

Io vi racconto sempre in base alla mia esperienza;

Non sono mai stata male a livello nausee,le prime settimane ho avuto dei dolori all’altezza reni molto fastidiosi avevo molta fame e allo specchio notavo già i miei fianchi allargarsi.

Terminati i dolori al fondoschiena sono cominciati i bruciori allo stomaco che non mi hanno dato tregua fino alla fine;vivveo perennemente con bustine anti-acido nella borsa .

La fame arriva all’improvviso e se non mangiavo qualcosa di sostanzioso(io preferivo la focaccia salata farcita con prosciutto cotto)mi sentivo svenire e mi prendeva una tremarella da calo zuccheri molto forte e molte volte piccoli collassi.

I primi mesi avevo paura di fare sforzi per l ‘ossessione di avere un aborto spontaneo(le mie seghe mentali)quindi ho abbandonato lo sport (sbagliato),non andavo nemmeno più in bicicletta e facevo sempre la massima attenzione.

Non fare sforzi i primi mesi ci sta ma lo sport è molto importante(ne parlerò nel prossimo articolo),io frequentavo la palestra però avrei potuto benissimo continuare visto che non avevo nessun problema e la mia non era una gravidanza a rischio.

Le prime settimane all’Asl mi hanno fornito l’agenda della gravidanza,quella bellissima cartellina verde che portavo con grande fierezza tra le mie mani,che mi faceva passare davanti a tutti specie per i prelievi del sangue,ecco dentro ad essa ci sono tutti gli esami da fare di settimana in settimana.

Io avevo scelto di essere seguita dall’Asl ,mi sono trovata molto bene,ho trovato competenza e gentilezza,il dottore molto bravo,simpatico che mi metteva sempre a mio agio;ormai mi conosceva e ogni volta che andavo per il controllo mi faceva vedere il piccolo attraverso l’ecografo che emozione!

A 14 settimane ho cominciato a sentire uno “sfarfallio” sulla pancia,non lo diemticherò mai,era il suo primo movimento,dopodichè siamo passati a sentire delle “bolle” che scoppiettavano nella pancia ,non so se era lui che si muoveva ma io ho sempre voluto crederlo.

Il primo vero vero calcetto non mi ricordo di preciso quando l’ho sentito però l’emozione più grande è vedere la pancia muoversi e cambiare forma in continuo,e i singhiozzetti dove mi sobbalzava di continuo la pancia.

Un’esperianza molto bella che ho fatto nella mia gravidanza e che consiglierei a ogni neo-mamma è il corso preparto.

Avevo cominciato a frequentare il corso pre-parto all’incirca alla trentesima settimana all’asl,dove ho conosciuto molte ragazze future mamme come me ,l’osterica ci ha fornito molti preziosi consigli sul parto,la respirazione ,rilassamento e allattamento.

Ma la cosa più bella del corso è che conosci molte mamme si crea un bel gruppo,(noi avevamo persino creato un gruppo su wat’s up)ci si confrontava in base alla gravidanza di ognuna e si gioiva per ogni nascita del gruppo,tral’altro io ho conosciuto una ragazza che poi è diventata mia amica e ci sentiamo tutt’ora…bhe pensate solo che i nostri bimbi hanno solo  un giorno di differenza.

Con le ragazze del gruppo ci siamo un pò perse,alcune sono diventate mamme per la seconda volta,poi lavoro bimbi sempre ammalati ecc fa ì che ci si perde un pò per strada.

Gli  ultimi mesi sono stati i più pesanti,la panci a enorme,la pipì che non ti dava tregua,la fatica a   girarsi nel letto di notte,non ce la facevo più volevo partorire a tutti i costi ma non era ancora il momento,era diventato addirittura molto difficoltoso alzarsi dalla posizione seduta.

Le “false contrazioni” chiamate di   Braxton Hicks          erano sempre più presenti dalla 34 settimana in poi ogni notte avevo dolori ,mi si irrigidiva completamente tutta la pancia  e pensavo di partire per l’ospedale da un momento all’altro ma il mio cucciolo è un biricchino e mi faceva solo degli scherzetti.

Denis è nato alla 41+2 ,dopo dieci ore di travaglio,non ne voleva proprio sapere dopo molte torture flebo di ossitocina,rottura delle acque e via che si viaggia verso il modo dei dolori più forti che avessi mai sentito;premetto che con queso non voglio terrorizzare nessuno, io ho poca sopportazione del dolore.

Tutto quello che ho imparato al corso pre-parto mi è stato poi molto utile in travaglio anche se il dolore c’era  ed atroce veramente,dicono che si dimentica,io non l’ho dimenticato ma dopo ti regala un’emozione grandissima anche se mi venva voglia di dire:Basta non faccio più figli!!!!!