Pubblicato il

Il relax della Mamma

Scrivendo questo titolo :Il Relax della mamma,mi sembra quasi “il riposo del guerriero”.

 

Dico la verità,non mi sento un guerriero,anzi,molte volte mi sento una sconfitta,dopo una mattinata a correre quà e là per commissioni con il mio bimbo che spesso perde la pazienza,preparare il pranzo e far le pulizie ,ecco chemi sento letteralmente sconfitta nelle forze.

Continua a leggere Il relax della Mamma

Pubblicato il

Educazione dei bambini,sempre più difficile

Un argomento spesso trattato dai media,educare i bambini.

 

Molte volte, seppure il mio bimbo è piccolo,mi trovo di fronte a un enorme dubbio:

Sto educando nel miglior modo mio figlio?

Penso che sia una domanda che prima o poi tutti ci poniamo,in una società dove l’educazione è stata dimenticata:

salutare e ringraziare sono “modi” primitivi ma che a me piacciono ancora.

Non vi nascondo che moltissime volte mio figlio,spesso in giro,si mette a fare dei capricci ingestibili buttandosi a terra e urlando da “bambino viziato”,io perdo le staffe e cosa succede?

Continua a leggere Educazione dei bambini,sempre più difficile

Pubblicato il

I nostri cambiamenti, da donne a mamme

Oggi affronto un tema che mi riguarda molto.

I cambiamenti che ho osservato in  me stessa da Donna spensierata senza figli ad oggi Mamma a tempo pieno.

Quando sei “ragazza”libera e donna spensierata,ami curare il tuo vestiario,fare shopping,truccarti e cambiarti le scarpe 3 volte al giorno.

Controlli mille volte il cellulare per vedere se le amiche ti hanno scritto o quanti like ha la tua ultima foto postata sui social,vai in palestra quando ti pare e ci stai quanto ti pare.

Scopri che stai diventando mamma, ti si apre un mondo nuovo,cominci ad avere ancora più cura di te stessa per far crescere bene quella meraviglia che porti in grembo.

Curi l’alimentazione,eviti quel bicchiere di vino che ti faceva tanto piacere bere e lasci momentaneamente la dieta,visto che la creaturina ti fa mangiare come un lupo e la fame sarà tua compagna per parecchio tempo.

Truccarti ed andare in palestra non sarà più alla base dei tuoi interessi,cerchi solo vestiti comodi per far stare comoda la creaturina,ti senti goffa ma porti avanti la pancia con orgoglio.

Gli ormoni sballano in continuo; passi dal ridere al piangere in pochi minuti,alternando momenti di sconforto a momenti di piena gioia.

La nascita della creaturina è una cosa sempre emozionante ma la mamma subisce altri cambiamenti,devi riprendere in mano tutto,compresa te stessa,il bimbo ti prosciuga,non hai più tempo nè voglia di curati e vestirti bene.

Dopo la nascita il ruolo di mamma ti scombussola, cambia completamente la vita!

Altrochè truccarsi,curare i vestiti ,i primi tempi manca anche il tempo per fare una doccia per non parlare di andare a fare shopping,quando esci i bimbi piangono,vogliono stare in braccio,mangiare ed essere cullati per fare la nanna.

I caffè con le amiche hanno il tempo contato!I bimbi non amano stare fermi per molto tempo nello stesso posto!

Persino l’intimità con tuo marito avrà il tempo contato!

Passa il tempo il bimbo cresce,le cose iniziano a riprendere una piega,si torna a curarsi.

Ti senti rinascere,ti senti come rifiorita!

Io da poco tempo ho ripreso a truccarmi sempre,rimettere mini gonne e curarmi di più,essere mamma è una cosa meravigliosa ma non bisogna annullarsi,siamo donne,dobbiamo sempre avere cura del nostro aspetto interiore ed esteriore.

Queste righe si riferiscono sempre e solo alla mia esperienza ma credo che in molte condividerete i miei pensieri.

 

Pubblicato il

La storia del Bruco brontolone

Oggi con questo tempo mi sento “ispirata”.

Così vi racconto una storia che al mio bambino piace tantissimo.

“Il Bruco Brontolone” così chiamato per il suo carattere scontroso,si aggirava nell’estate scorsa spesso nel mio giardino.

Gli piaceva mangiare la mia insalata e posarsi sulle foglie dei miei fiorellini.

Il Bruco Brontolone un giorno si posò sulla foglia della mia orchidea,lei lo guardò e gli disse

“Ciao cosa fai sulla mia foglia?Non avrai intenzione di mangiarmela?”

Rispose “No assolutamente,non ti impicciare, io voglio solo guardarti e ammirare i tuoi colori,non so perchè ma mi attirano molto!”

L’orchidea stupita di quella risposta un pò aggressiva,si rigirò a guardare il sole.

Il Bruco Brontolone se ne andò,continuò il suo percorso nel giardino di casa mia,molto lento ma sicuro di sè e con quell’aria un pò da “spavaldo”.

Si rimise nell’orto a mangiarmi l’insalata e a pancia piena andò a dormire nella sua casetta sotterranea.

Il giorno seguente,alla sua uscita vide una bellissima farfalla variopinta posarsi sul fiore che piaceva a lui,pensò ai suoi meravigliosi colori i quali s’intonavano bene con quelli dei petali dell’orchidea,ma si trovò stranito,provava un sentimento estraneo,si sentiva “geloso”che una creatura così bella si fosse posata sul suo fiore preferito.

Profondamente rammaricato tornò indietro e decise di posarsi sul vaso del Girasole.

Il Bruco Brontolone,lo guardò a lungo,notò come questo bellissimo fiore fissava sempre il sole e lo seguiva gli disse:

“ciao ma perchè fissi sempre il sole senza mai staccarti?”

rispose al bruco “Io mi chiamo Girasole,e come il mio nome spiega,io amo il sole,non posso fare a meno di guardarlo ed ogni giorno quando se ne và io mi rattristo e abbasso la testa!”

Il Bruco Brontolone capì che provava lo stesso sentimento per quell’orchidea bellissima che ogni giorno,da tempo lui fissava ma, dato il suo carattere poco socievole,non aveva il coraggio di esprimergli tutte le sue emozioni.

Disse tra sè e sè “Domani gli dico a quel fiore che lo fisso perchè è molto bello!”

Se ne andò,questa volta ringraziando e salutando il Girasole,verso la sua tana a dormire.

Il mattino seguente, il Bruco si svegliò,ma non nella sua tana sotterranea ma sul ramo del ciliegio.

Si spaventò,si sentì strano,non era più un bruco ma una farfalla,le sue ali erano di color viola e bianco,grandissime.

Non era più Il Bruco Brontolone,ma una meravigliosa farfalla.

Volò subito verso la sua amata orchidea

“Ciao Orchidea,bellissimo fiore sono io il Bruco Brontolone,mi riconosci?,ti volevo dire che sei bellissima,ma dato il mio brutto carattere non riuscivo ad esprimermi!”

L’orchidea rispose “Grazie,e tu sei una meravigliosa e bellissima farfalla,eri bello anche prima ma non mi hai mai dato la possibilità di dirtelo,Bruco Brontolone!”

Da allora la farfalla e l’orchidea divennero grandi amici,la farfalla ogni giorno visitava il suo fiore e si vollero bene per sempre.

 

Pubblicato il

Torta allo yogurt

Buona giornata oggi vorrei condividere con voi un dolce che faccio spesso senza grassi:

La torta allo yogurt,oggi per la ricorrenza potete farla anche a forma di cuore.

In breve;

Questa torta viene fatta senza burro e uova quindi non contiene colesterolo e grassi,è nutriente e  anche ai bimbi piace.

Tenete i vasetti di yogurt,vi serviranno da misurino. Continua a leggere Torta allo yogurt

Pubblicato il

Cena Piemontese Terza parte-Tiramisù alla ricotta

Oggi è sabato e come tutti i week-end mi permetto il dolce,così per voi ho rifatto il Tiramisù alla ricotta per postarvi la ricetta.

L’avrete già visto fare da molti,lo so.ma io come sempre personalizzo ogni cosa che cucino quindi eccovi la mia personalissima ricetta:

  • 2 ova medie
  • 400 gr di ricotta vaccina
  • 100 gr di zucchero
  • 1 pacco/2 di savoiardi
  • caffè (io ne ho fatte 3m oche medie)

 

Continua a leggere Cena Piemontese Terza parte-Tiramisù alla ricotta

Pubblicato il

Un S.Valentino da mamma

Il nostro  S. Valentino e’ cambiato.

Anni fa da “fidanzatini” senza figli il mio compagno mi organizzava sempre la “cena a sorpresa” nel ristorante che lui sapeva che adoravo,per continuare la serata al cinema o in un locale dove ci fosse della musica.

Ora il nostro S. Valentino è diverso.

Da quando siamo diventati genitori,a volte, ce lo scordiamo anche e diciamo “Ma che ci importa di una festa consumista?”.

Ora che siamo in tre, durante le festa di S. Valentino non amiamo più andare al ristorante e passare una serata romantica,con i bambini o meglio i terremoti,non sAnni fa da “fidanzatini” senza figli il mio compagno mi organizzava sempre la “cena a sorpresa” nel ristorante che lui sapeva che adoravo,per continuai può!

Giusto al fine di evitare scene di capricci ed urla rovinando l’atmosfera a chi desiderebbe un pò di romanticismo.

Come passiamo il S. Valentino da genitori?

Il mio compagno ha poco tempo per pensarci di solito ma io un idea ce l’avrei.

Tirerei fuori la mia vena romantico-creativa,prepararei una cenetta semplice,pensavo ad un’apericena accompagnata da un buon prosecco frizzante e abbellire la tavoladi  tanti petali di rosa rossa e tanti cuoricini di cartoncino.

Originale e semplice  come idea vero?

Beh,questa è solo l’idea,passeremo la festa noi tre insieme,perchè appunto siamo tre innamorati,una mamma ed un papà che sia amano e che a loro volta amano il loro bambino.

Molte di voi lo passeranno in coppia,magari lasciano i bimbi ai nonni per un paio d’orette non è un male, noi invece non ce la facciamo.

Ormai abbiamo fatto l’abitudine a questo cambiamento,la nostra intimità intesa come “uscita a due”ce la siamo dimentica da un pezzo,non che la cosa ci manchi,penso che avremo ancora tempo per questo in futuro.

Ora vogliamo solo ricordare la festa degli innamorati insieme,rillassarci (se si riesce)ma stare noi tre insieme non posso desiderare di più,nessun ristorante,nessuna cena a lume di candela,ma nella nostra casetta rendendola un pò a tema.

E i regali?

Da anni ormai non ce ne facciamo a S. Valentino,a parte la ricorrenza per il resto è solo puro consumismo,di solito i regali ce li scambiamo quando ci va.

Perchè si é S.Valentino ma dobbiamo amarci tutti i giorni.

Happy Valentin’s Day!!

 

 

Pubblicato il

Mamme che non lavorano,non per scelta

Vorrei affrontare questo tema di cui si parla molto di questi tempi e che mi riguarda personalmente.

Le mamme che non lavorano,ma non per scelta.

Sono una mamma felicissima di aver cresciuto il suo bambino,ma,i tempi sono duri,le spese per sopravvivere sono tantissime e un solo salario non basta.

Oggi per una donna che diventa mamma,lavorare è assai complicato,stare molte ore lontano dai propri cuccioli è dura psicologicamente per entrambi.

Io  dopo essere diventata mamma,ho voluto riprendere il mio mestiere;lavorare in una casa di riposo per anziani.

E’ stato difficile per me,le cose erano cambiate,ho sofferto a lasciare mio figlio per nove ore consecutive anche se stava con i nonni,arrivare a casa e riorganizzare tutto per il giorno dopo.Non ce l’ho fatta.

Il mio mestiere mi è sempre piaciuto,ma oramai mi sono accorta che non riuscivo a stare più dietro a quegli orari ed ai turni notturni.

Le mamme che lavorano non sono capite nè tutelate dal sistema. Continua a leggere Mamme che non lavorano,non per scelta

Pubblicato il

Milano,la nostra gita al museo Muba,il museo del gioco

 

Oggi vorrei raccontarvi della nostra gita al Museo Muba di Milano.

All’inizio,vi dirò,conoscendo il mio terremoto,ero scettica,ma dopo essere entrata in questo favoloso “museo del gioco”così lo voglio chiamare,ne sono rimasta entusiasta.

Cos’è il Museo Muba ed in cosa consiste?

Muba è un’organizzazione no-profit che insegna ai bambini,attraverso il gioco,a sviluppare i vari sensi ed è adatto ai bambini di ogni età.

Una splendido palazzo antico,situato nella zona centrale di Milano,attorniato da un grandissimo parco immerso nel verde.

All’entrata potete notare il palazzo antico ma allo stesso tempo modernizzato da le varie aree tematiche di gioco in base all’età dei bambini ed un grande salone con una vasta libreria e gadget.

 

Vi dirò;al mio bimbo e a me è piaciuto un sacco ma andiamo nei dettagli;

Come si organizzano i giochi

Noi, essendo un bel gruppo numeroso con bambini di ogni età,siamo stati divisi,proprio perchè i piccoli hanno un modo diverso di giocare dai grandi.

Ci siamo così trovati nel gruppo dai 0 ai 3 anni,la cosa più bella è che il Muba ha creato giochi con materiali di riciclo,quelle cosette che noi ogni giorno buttiamo nella spazzatura come,bottiglie di plastica,contenitori di plastica,materassi riciclati e bucherellati,scarti di stoffa usati per stendere con le mollettine,di tutto un pò ma con materiali riutilizzati,una cosa veramente carina,che da qualche spunto anche per giocare a casa.

Il tutto è al fine di stimolare i sensi dei bambini e la loro creatività.

 

la visita è durata un ora dopodichè ci hanno organizzato uno spettacolo divertente con le lenzuola colorate,per i bimbi, un vero spasso.

Un’altra cosa importante :i ragazzi dello staff sono di una gentilezza e simpatia impagabile.

Per ora non voglio svelarvi altro sennò rovino la sorpresa,se capitate a Milano con i bimbi è da visitare!

Nel sito internet linkato in alto trovate tutte le info inerenti.

Pubblicato il

Prepariamo un corredino nascita originale

Un saluto a tutti,vi chiederete “Perchè questo articolo così scontato?”

“Prepararsi ad una nascita è semplicissimo!””Basta andare in un negozio di abbigliamento bimbi e puericoltura ed iniziare ad acquistare”.

Io vi rispondo “Verissimo”.

Io amo le cose “originali”,non le solite cose,come potrete osservare dalla foto,il mio fiocco nascita non è stato acquistato già fatto,l ho studiato.

Ho studiato l’immagine che desideravo,come volevo, appore i nomi di mio figlio ed il tutto ricamato a mano su di un cuscino,proprio quello che Denis ama tantissimo.

Io sono una donna che desidera sempre idee originali e personalizzate, cosa che nei negozi non troverete mai.

Non pensate che sia molto più bello personalizzare a vostro pacimento il fiocco nascita,le lenzuoline,le borse fasciatoio,le collanine portaciuciuccio,i sacchettin dove apporre i cambi per l’ospedale ecc..?

Io credo proprio di sì.Perchè acquistare prodotto artigianali?

  • Sono realizzati con ottimi materiali
  • Sono personalizzabili a vostro piacimento
  • Danno modo ad un mestiere di non tramontare mai e crescere
  • Sono realizzati con amore e passione da una persona che possiede una dote.

Ora vi posto il link di questa giovane  ragazza artigiana,pugliese che realizza dei fantastici prodotti per i bimbi;corredini lenzuola,bustine da apporre il corredo per la nascita e bellissimi fiocchi,occorrente anche per “il dopo nascita”dalla cura del bimbo al trasporto con le meravigliose fasce.

 

Dateci un’occhiata e se siete “mamme originali”sicuramente vi piacerà.Non ho dubbi rimarrete stupiti dalle sue meravigliose creazioni.

 

 

https://costacreation.blogspot.it